Il Carro Tachimetrico

Il carro Tachimetrico - di Max Ascari

Si sa che in tempo di crisi non si butta via nulla e siccome io non lo facevo nemmeno prima,ho deciso di utilizzare un po di quella roba accantonata con l'obbiettivo di non comprare assolutamente nulla e realizzare qualcosa di utile!

Quindi ho iniziato da una piastra ramata per circuiti tagliata a misura alla quale ho saldato il profilato ad "h" stando attento a che lo stagno non entri nella scanalatura

Poi ho preso il fondo di un kit per carro "f" TTM e l'ho inserito tra le due scanalature del profilato.

Una volta centrato il fondo si rifilano i bordi esterni nel caso siano imperfetti.

A questo punto passiamo ad adattare le sale TTM rasando a filo gli incastri femmina sul fondo e accorciando quanto basta i "maschi" delle sale in modo che la balestra sia a filo con il profilato.

Facciamo ora funzionare il tachimetro da bici (acquistato qualche anno fa per 10 €):notare che altro non e' che un magnete che passando vicino ad un reed ad ogni giro manda un impulso al tachimetro determinando cosi la velocita' effettiva reale (scala 1/1).

Fissiamo il REED in posizione orrizzontale in modo che un'estremita' sia sotto un asse al quale avremo fissato un magnetino(io ho usato quello di un intercomunicante in gomma).

Due fili  li saldiamo alle due estremita' del REED e li portiamo sopra al pianale del carro in attesa di saldarli poi al supporto del tachigrafo.

Passiamo ora alle sponde fatte con assicelle di noce navale rinforzate con montanti verticali sempre in noce navale ma piu' stretto.

Per i frontali ho cannibalizzato un vecchio carro lima dando spazio alla fantasia in quanto il carro nella realta' non esiste.

Con le rimanenze delle assicelle in noce ho fatto anche il pianale aggiungendo due profi a L come culla per il supporto del tachi.(......ce le avevo!!.....) .

Saldiamo ora i due fili ai contatti del supporto (non c'e' polarita') fissiamo il tutto al pianale e inseriamo il tachimetro in sede provandone il funzionamento.

A questo punto abbiamo un tachimetro che misura la velocita' reale dei nostri modelli, ma per avere una velocita' in scala????......basta ingannare il tachimetro!..come?...personalmente ho moltiplicato la circonferenza dell'asse per 87 cosi da ottenere una ruota 87 volte piu' grande!

Testato in un metro di binario mi indica 90 metri percorsi!! Accettabile no?

Per la verniciatura ho pensato ad un grigio cenere in quanto trattasi di carro di servizio mentre per le marcature .....vediamo cosa offre il mio "magazzino delle decals" di recupero.

Buon Lavoro!    MAX ASCARI


NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo