Il modulo Poncarile

La stazione di Poncarile

La piccola stazione di Poncarile (Sezione 7 del Ramo "Toscana") nasce per servire il piccolo paese omonimo situato tra le vallate del lucchese (così rimaniamo in zona ponte della maddalena)
L'impianto dei primi del novecento è inizialmente adibito al servizio viaggiatori per collegare il borgo al resto del territorio visto che l'unica strada (ai tempi una carraia non asfaltata) risulta spesso interrotta nei mesi invernali per frane e smottamenti.
Poncarile viene anche dotata di un piccolo scalo al servizio delle cartiere che si trovano nei dintorni e che usano la ferrovia per approvigionarsi di materiali e per spedire prodotti finiti.
Se dovessimo proseguire con una storia vera allora dovremmo dire che col passare degli anni le cartiere riducono sempre di più le attività fino a chiudere e che le aziende superstiti decidono di spostare la loro logistica dal ferro alla gomma spinte da politiche discutibili, tipicamente italiane, che rendono sempre più complesso il trasporto ferroviario a vantaggio di quello camionistico.
Di conseguenza la nostra stazioncina vede andare in malora il piccolo scalo merci e cerca di resistere con il trasporto pendolari fino a quando un'ulteriore discutibile politica italiana, marcata FS, decide che la linea è divenuta uno dei tanti rami secchi del nostro paese e chiude l'impianto.
La nostra amata prosegue ancora qualche anno frequentata da sporadici treni turistici e fotografici fino alla completa rimozione dell'armamento per trasformare tutto in una pista ciclabile.
Questa sarebbe la storia più credibile però siccome mastichiamo amaro tutti i giorni guardando il tg per l'andamento di questa benedetta Italia, abbiamo deciso che almeno nel nostro piccolo mondo le cose dovevano andare diversamente.......ed allora ecco il lieto fine.....
Durante la crisi delle cartiere che riducono gli impianti e li spostano più a valle, la giunta comunale di Poncarile riesce con inaspettata lungimiranza e caparbietà a raggiungere un'accordo con una grande azienda che si occupa di trasporto veicoli via ferrovia.
Accedendo ai fondi europei per le zone depresse finanzia la costruzione di un grandissimo impianto per lo stoccaggio dei veicoli nuovi a una decina di chilometri da Poncarile e nel contempo ingrandisce lo scalo della stazione costruendo un nuovo piazzale di carico automezzi.
Conseguentemente a questi investimenti anche il traffico passeggeri aumenta e viene allungata la banchina del primo binario per accogliere i nuovi compessi reversibili di cinque carrozze mdvc + 445.

Negli ultimi anni la novità più corposa è rappresentata dall'ingresso degli operatori privati che prendono in carico le manovre e le tradotte di Poncarile con mezzi propri o noleggiando loco Fs. Nel nostro caso lo scalo è oggi gestito dalla Serfer sotto la stretta sorveglianza di "noi" capostazione di Poncarile!

Avanzamenti al poncarile al 24 Agosto 2013 

Ci siamo quasi, manca ora solo la parte elettrica degli scambi e le cetre e siamo pronti al debutto.

 

 

Avanzamenti al poncarile al 10 Giungo 2013

 

 

 

 

Poncarile al 13 Marzo 2013

 

 

In arrivo nuove loco al Poncarile

Sono arrivate le AUDI a Poncarile... vanno tutte scaricate !

Dopo tutto questo... ci meritiamo un buon caffè ....

27 Agosto 2012 - Il lavoro estivo di Matteo e Robby !

27 Luglio 2012 - Avanzamenti del modulo di Poncarile

15 Luglio 2012 - Avanti senza tregua !

29 Giugno 2012 - Avanzamenti al Poncarile !

03 Maggio 2012 - Nasce la Stazione di Poncarile come "costola" del Ramo della Maddalena.

E chi lo ferma più il "Teo"....questo è un pozzo di idee e di certo non saremmo io e Robby a "filtrarlo", lasciamolo fare anche se "Inizia" 100 cose e non ne finisce nemmeno una...tanto ci siamo io e Robby altrimenti davvero potremmo andare a far parte dell'arredamento...... Linguaccia

 

Allora... nasce il modulo di Poncarile, tratto dalla tipica stazione sulla vecchia "linea lenta" , Poncarile, il sottomodulo che unisce il Ramo del Ponte della Maddalena , al terminal carico/scarico di Auto e Camion "Gefco".

(Con la foto dall'alto sarà più facile vedere i due moduli messi insieme e capire come saranno collegati tra loro)

 

Ecco a voi le prime foto del sottomodulo:

 

 

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo